Panleucopenia infettiva o gastroenterite infettiva gatto

Gastroenterite infettiva felina

È caratterizzata da virulenza esplosiva e da alta mortalità.
Le vie di infezione possono essere molteplici. L'incubazione della malattia oscilla tra i 2 e i 10 giorni. L'alta mortalità è frequente nei soggetti al di sotto dei sei mesi, minore negli adulti. Ad una prima fase febbrile, 39,5-40° fa riscontro un abbassamento della medesima sino a valori molto bassi, 36-35°. Dopo un esordio accompagnato da vomito e diarrea l'animale rimane accasciato e abbandonato sullo sterno in atteggiamento di assoluta prostrazione e inerzia .

È opportuno rammentare ai proprietari degli animali che riescono a superare la malattia di non alimentare troppo precocemente il gattino per non farlo ricadere in una affezione gastroenterica più grave. Il veterinario di fiducia saprà suggerire le terapie più opportune. Per fortuna si dispone attualmente di un vaccino specifico che, se praticato all'animale quando non ha ancora contratto la malattia, conferisce una protezione efficace.

La terapia sperimentale riportata di seguito ci è stata inviata da Silvia. Ilgattopersino.it non si assume alcuna responsabilità sull'uso delle informazioni pubblicate, comunicate con il vostro veterinario prima di iniziare qualsiasi terapia. Grazie a Silvia e a tutti coloro che partecipano attivamente alla crescita dalla nostra community.

TERAPIA SPERIMENTATA DI GRANDE SUCCESSO contro questa terribile e spesso letale malattia che si manifesta con diarrea e/o vomito soprattutto nei gatti sotto 1 anno e negli immunodepressi:

Mostrate la seguente lista al vostro veterinario per dosaggio e tempo di somministrazione :

  • TRASFUSIONE al gatto malato del SIERO DEL SANGUE prelevato da un gatto vaccinato preferibilmente oltre i 3 anni e con una scadenza della vaccinazione annuale non prossima ( la data di scadenza deve essere lontana almeno 5 mesi)
  • ANTIBIOTICI:
    1. 1. Gentamicina
      2. Deflamon o Stomorgyl (antibiotico specifico per l’ intestino)
  • Cerenia (solo se c’è vomito)
  • Flebo di fisiologica e glucosata ( trattamento continuato contro la disidratazione)
  • GRANOLUKINA Filgastim (stimolatore sistema immunitario: viene somministrato una sola volta)
  • STIMULFOS (vitamine)
  • Florentero (fermenti lattici)
  • Streptomagma (assorbe i liquidi delle feci)
  • INTERFERONE ( costoso antivirale)

NOTA: Appena si riscontrano vomito o diarrea in un gatto (soprattutto se giovanissimo) non vaccinato o che non si conosce perché trovato per strada:

  • correre dal veterinario per fargli fare il test per verificare se è positivo a questa malattia ed iniziare immediatamente la terapia ( il fattore tempo è fondamentale, anche un giorno di ritardo può essere letale)
  • isolarlo dagli altri gatti o cani ( il virus è innocuo per l’ uomo ) per evitare il contagio in quanto il virus si trasmette tramite saliva - feci - urina

Quindi

  • non gettare mai all’aperto la lettiera sporca utilizzata dal gatto malato
  • non fare utilizzare ai gatti sani la lettiera del gatto malato
  • disinfettare ciotole trasportini coperte vestiti pavimenti e superfici con varechina ad altissima concentrazione ( alcool o comuni disinfettanti non distruggono il virus) o passare vapore a 100 °C.