Classificazione delle varietà di gatti persiani.

Gatti persiani suddividono in quatro gruppi principali.

La prima varietà di Persiano riconosciuta è stata il nero solido. Nel 1938 il bianco puro è stato diviso in due categorie, bianco con occhi arancio e bianco con occhi blu. nel 1960, ai tradizionali colori solidi (nero, blu, bianco, rosso e crema) sono stati aggiunti il chocolate e il lilac. Oggi possiamo ammirare seguenti varietà di colorazioni:

Persiano bicolore - Fino al 1966 i bicolori non erano ammessi al Campionato in gran Bretagna. Dal 1971, quando lo standard venne modificato, ammettendo anche colori diversi dal nero, blu, rosso e crema tradizionali, e marcature non simmetriche. Tra i bicolori sono compresi anche la varietà squama di tartaruga, rosso e nero, la varietà diluita blu e crema. I tortie sono sempre femmine, solo molto raramente possono nascere maschi sterili con questo mantello.

Persiano tabby - Il disegno originale del gatto selvatico è il tabby mackerel: tabby è un termine derivato da Attabiya dove venivano prodotte stoffe marezzate. In italiano è conosciuto come soriano, tigrè o tigrato. la varietà ad ampie bande scure è conosciuta come tabby blotched, tigrato marmorizzato. Il colore definito tortie tabby (squama di tartaruga con disegni tabby) è anche conosciuto con il nome di patched tabby o di torbie.

Persiano chinchilla - Il nome deriva dal piccolo roditore sudamericano, che ha però un mantello esattamente opposto, con peli scuri dalla punta bianca.

Nel Persiano questa varietà è stata ottenuta, tramite accoppiamenti tra Persiani silver tabby e Persiano smoke, da allevatori inglesi e statunitensi. I primi esemplari erano più scuri e con marcature tabby, ma con la selezione sono state ottenute quattro diverse gradazioni: il chinchilla, il silver shaded, il silver tabby e lo smoke. Possono però essere facilmente distinti in base al colore degli occhi: verdi nel primo, arancio oppure rame nel secondo.

Persiano colourpoint - Le marcature colourpoint sono state introdotte nel Persiano mediante incroci con il Siamese. Dall'accoppiamento di un Persiano nero e un Siamese nascono tre gattini neri a pelo corto. Due di questi vengono reincrociati e il risultato è una femmina a pelo lungo, che riaccoppiata con il padre genera una gattina a pelo lungo.

Oggi i colourpoint sono adeguati allo standard del Persiano. Oggi però la CFA non la considera razza a sé, ma come una varietà del Persiano.